Tendiniti sintomi e cure rubrica “Sport e Salute” – TeleRadioStereo 92,7
In questa puntata della mia rubrica “Sport e Salute”, in onda su TeleRadioStereo 92,7 ogni martedì alle 15:50 ed il sabato alle 9:40, abbiamo parlato delle tendiniti, di quali sono i sintomi e di quali sono le cure migliori.

Ascoltate la puntata qui

La tendinite dell’arto inferiore che è una patologia di cui gli sportivi soffrono parecchio in particolare parliamo ovviamente del tendine d’Achille e anche della “Zampa d’Oca”, questo ossicino con un nome particolare.

Come mai vengono queste tendiniti soprattutto agli sportivi che saltano ma anche ai calciatori?

Cominciamo dalla zampa d’oca che ti dà un dolore tipico sotto al ginocchio, nella parte interna.

Molto spesso succede che i pazienti, degli sportivi, arrivano in ambulatorio credendo di avere una lesione al menisco, la tipica lesione del menisco che poi magari va operata.

Invece dobbiamo pensare che proprio sotto al bordo della articolazione, all’interno, ci sono tre tendini che si attaccano e finiscono proprio come la zampetta di un’oca e si chiama proprio così appunto l’inserzione Zampa d’Oca perché immaginate a tre estremita’ dovute ai tre tendini importanti che sono i flessori mediali del ginocchio e della coscia e si attaccano sotto al ginocchio.

Questi tendini si infiammano molto molto frequentemente specialmente quando magari lo sportivo o il giocatore deve assumere una postura scorretta oppure deve mettere male il piede perché magari ha dei problemi al piede oppure perché magari ha dei problemi al ginocchio e allora questi tendini tirano un pochettino di più per correggere l’assetto del ginocchio e raddrizzare la punta del piede, tirando un pochettino in più ho danno a poco a poco questo dolore tipico.

L’altra tendinite di cui volevo parlare e quella del tendine d’Achille.

Lo conosciamo tutti, è quel cordone posteriore che abbiamo dietro che si attacca al calcagno e ci permette, essendo collegato al muscolo del polpaccio, di fare i salti spingendo appunto con la punta del piede e questo è un tipico gesto che si può avere sia nel calcio ma anche negli altri sport come pallavolo, pallacanestro …

Questo tendine si può spesso infiammare e dà dolore, si può addirittura calcificare fino addirittura a rompersi, dipende chiaramente dall’intensità dello stimolo traumatico.

A volte il tendine può essere anche indebolito, ricordiamoci che nelle persone che hanno per esempio una concentrazione di grassi nel sangue superiore al normale, che si chiama iperlipidemia, questi grassi si concentrano all’interno del tendine e possono causare la sua lesione.

Altre volte invece l’eccessivo uso di antibiotici, in particolare un tipo di antibiotico, consente appunto la lesione del tendine oppure l’indebolimento del tendine.

Quali sono i sintomi della tendinite e come si cura?

Il tendine d’Achille fa male sia chiaramente se c’è una lesione importante, quando lo sforziamo in momenti importanti come ad esempio salire uno scalino, saltare etc.

Oppure per esempio anche la mattina; la mattina un tendine d’Achille infiammato può essere, dopo una notte in cui appunto non si è fatto niente, può essere appunto una causa di dolore e il paziente sente una grande rigidità a livello della parte posteriore del polpaccio e del tendine e appunto da fastidio.

Il primo presidio terapeutico che si utilizza è la terapia fisica. C

Ci sono tanti tipi di fisioterapia, dalla celeberrima laserterapia, alla Tecarterapia che vengono utilizzati per sciogliere un pochettino il tendine e migliorare agendo in profondità.

Attualmente abbiamo anche la possibilità, quando non ci si riesce con la fisioterapia, di utilizzare le infiltrazioni con i fattori di crescita che sono quelle terapie che si fanno prelevando il sangue dal braccio ed estraendo delle proteine particolari dalle piastrine del proprio sangue che hanno delle proprietà rigeneratrici nei confronti delle componenti del tendine stesso.

Se avete problemi di tendinite, prenotate subito una visita QUI