Richiamo vaccino anti Covid – Intervista al Prof. Massimo Ciccozzi Epidemiologo – In questa puntata di “Sport e Salute” del 12/6/2021, la mia rubrica in onda su Teleradiostereo 92.7 ogni martedì alle 15:50 ed il sabato alle 9:40 abbiamo come ospite, come per gli altri sabato, Il Prof. Massimo Ciccozzi, Ordinario di Epidemiologia al Campus Biomedico di Roma
Se avete perso questa puntata, riscoltatela qui. Buon ascolto!

Richiamo vaccino anti Covid

Anche questo sabato abbiamo un ospite d’onore a “Sport e Salute”, rubrica a cura del Prof. Francesco Franceschi: il Prof. Massimo Ciccozzi Epidemiologo al Campus Biomedico di Roma. Oggi, caro professore, vorremmo fare un po’ di chiarezza in merito al richiamo del vaccino anti-Covid nelle persone che hanno fatto la prima dose con il vaccino Astrazeneca. In un momento di tale confusione, cosa pensa, lei che lavora tutti i giorni sulla materia e sta studiando tutte le varianti, riguardo al fatto che a è stato fatto il vaccino Astrazeneca come prima dose sia inoculato un altro tipo di vaccino tipo il Moderna o il Pfizer?

Partiamo dicendo che già dall’inizio c’è stata una informazione non certo a favore del vaccino Astrazeneca e bene o male sono successi diversi eventi avversi importanti che hanno contribuito.

A questo punto il CTS ha finalmente preso una decisione, ne ha prese tante lungo la strada ma speriamo che questa sia l’ultima.

Diciamo che chi fa la prima dose di Astrazeneca può shiftare per la seconda dose su un vaccino a RNA messaggero come Pfizer o Moderna rispettando le 12 settimane tra una dose e l’altra di Astrazeneca.

Quindi diciamo che siamo arrivati ad una soluzione, può essere politica, può essere scientifica, insomma c’è un po’ di tutti di mezzo perchè sappiamo che tutte le reazioni avverse sono avvenute maggiormente (quelle dove le persone sono poi decedute) su problematiche che già avevano le persone e quindi diciamo su anamnesi non certo evidenti, la persona magari non ha detto tutto, magari non voleva dire tutto, insomma ci sono state tante cose, tante variabili che hanno contribuito a fare in modo che purtroppo le persone sono state soggetto a questi eventi avversi.

Diciamo che ormai possiamo considerare Astrazeneca come un capitolo semi chiuso (come dico io) e per ora, chi vuole, può shiftare su Pfizer o su Moderna.

Io ricordo che l’EMA aveva già detto “Non è consigliato somministrare Astrazeneca sotto i 30 anni di età” e l’AIFA l’aveva ripreso. Io mi ricordo che Giorgio Palù aveva detto una cosa del genere subito, precedendo l’EMA,  poi è stata data libera scelta alle Regioni ed ai Governatori regionali di fare questo e di fare quello e si sono inventati questi Open Day.