Protesi inversa di spalla Prof. Francesco Franceschi ortopedico spalla a Roma Intervista Tg1 del 20/11/2022 su RaiUno.

Spesso ci accorgiamo delle nostre spalle quando non riusciamo più ad alzare le braccia e quando il dolore non ci fa dormire la notte. Una delle cause è l’artrosi. Se il dolore persiste anche dopo la terapia farmacologica e la fisioterapia, l’ortopedico potrebbe proporre un intervento con l’inserimento di una protesi. Per chi è indicato questo tipo di protesi?

La protesi inversa di spalla è un intervento dedicato ai pazienti che soffrono di artrosi dovuta a problemi dei tendini della cuffia dei rotatori che quindi muovono male il braccio e consumano di più la cartilagine.
La protesi inversa è un impianto innovativo in quanto utilizziamo la programmazione pre-operatoria 3D e, durante l’impianto con l’aiuto di un computer collegato ad un monitor, riusciamo ad impiantarla proprio dove avevamo programmato.

Quali sono i vantaggi per i pazienti?

Riusciamo ad eliminare il dolore cronico dei pazienti e in particolare riescono a muovere la spalla anche senza l’utilizzo dei tendini che spesso si rovinano ad una certa età.

Prima dell’intervento avevo un dolore tremendo, non riuscivo più a muovere il braccio, doveva accompagnarlo nei movimenti aiutandomi con l’altro braccio. Adesso addirittura mi dimentico di avere un corpo estraneo nella spalla

La nostra signora ha 74 anni. Aveva un’artrosi dovuta alla lesione dei tendini della spalla. Adesso, con questa piccola cicatrice, abbiamo inserito una protesi inversa e potete vedere voi stessi i risultati nel video.

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

Protesi inversa di spalla

Protesi inversa: come migliorare i risultati

Artrosi alla spalla – Il Mio Medico Tv2000

Protesi inversa di spalla Tg2 Medicina 33

Protesi inversa della spalla con navigazione

La protesi inversa Webinar 23/6/2020

Lascia un commento

Per info e prenotazioni clicca qui