Protesi anatomica di Spalla: riabilitazione
Spesso i pazienti che devono essere operati per una protesi alla spalla non sono preoccupati tanto per l’intervento ma per l’ipotesi di una riabilitazione lunga e dolorosa.

Niente di più sbagliato!

In quanto, come è migliorata l’esecuzione dell’intervento chirurgico grazie a delle tecnologie computerizzate, anche la riabilitazione ha subito notevoli modifiche sicuramente sostanziali.

Dobbiamo tra l’altro a questo punto dividere la riabilitazione in tre fasi: una  pre-operatoria, un’altra peri-operatoria e d un’ultima postoperatoria.

Protesi anatomica di spalla – Fase preoperatoria

E’ importante specialmente se il paziente ha ancora conservato una minima possibilità di movimento, di rinforzare i muscoli rimanenti con degli esercizi eseguiti con elastici  a resistenza crescente.

Protesi-inversa-di-spalla-elastici-per-inforzo-muscolare
Elastici per rinforzo muscolare

E’ inoltre fondamentale arrivare all’intervento con la massima escursione articolare possibile cosa che faciliterà il raggiungimento del massimo risultato postoperatorio.

Questo si effettua con degli esercizi di stretching cioè di allungamento delle capsule articolari.

Questi esercizi si possono eseguire con l’aiuto di un fisioterapista che migliorerà l’approccio del paziente all’esercizio utilizzando anche della terapia strumentale come la  laserterapia o la tecarterapia.

Queste ultime terapie va ricordato che non si possono eseguire nel caso di un paziente che sia stato interessato da un tumore in precedenza.

L’ortopedico potrà invece aiutare il paziente con l’effettuazione d’infiltrazioni di cortisone che diminuiranno il dolore e l’infiammazione.

Fase perioperatoria

Mobilizzazione precoce come segreto per la riabilitazione

1°-2° giorno

L’arto superiore verrà immobilizzato con un comodo tutore minimamente distanziato dal torace.

Protesi-inversa-di-spalla-tutore
Tutore

Ginnastica respiratoria e recupero dell’articolarità della mano e dell’avambraccio.

Si possono già eseguire esercizi attivi in flessione anteriore, abduzione, rotazione esterna fino a 90° cioè con il braccio frontale o rotazione interna.

Gli esercizi con l’arto operato possono venire accompagnati dall’arto sano utilizzando anche dei tubi.

Dal secondo terzo giorno il paziente verrà incoraggiato a lasciare il tutore per eseguire piccoli esercizi che ricorderanno la vita quotidiana, potrà scrivere a mano od a macchina/computer sempre con l’arto che non superi i 90° di rotazione esterna ed attaccato al tronco.

Se l’intervento di protesi anatomica di spalla sarà effettuato all’arto superiore sinistro ed il paziente possiede un’automobile con il cambio automatico, potrà iniziare a guidarla anche per brevi tratti.

Dopo la terza settimana i movimenti passivi ed attivi verranno sempre di più incoraggiati e facilitati dal fisioterapista con l’aiuto anche di terapia strumentale come tecarterapia e laserterapia.

Generalmente in 2-3 mesi dall’intervento per protesi anatomica di spalla, il paziente è già in grado di svolgere tutte le attività della vita quotidiana senza dolore ma il recupero completo dell’articolarità si potrà verificare anche ad un anno di distanza.

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti articoli:

Protesi di spalla: info intervento
I risultati immediati
Protesi di spalla: i risultati dopo 5 anni
Spalla: gli esercizi dopo l’intervento
Protesi di Spalla: intervista Buongiorno Regione
Protesi di Spalla: chirurgia protesica
La protesi di spalla moderna
Le protesi di spalla: Per quali patologie è necessario ricorrervi
La Spalla Robotica: quali frontiere
Patologie e Trattamenti della Spalla
Rome Shoulder Course 2020

Lascia un commento